Il sito Cartoceto in Movimento utilizza cookies come descritto in Cookie Policy.  Premendo il tasto OK accettate l'utilizo dei cookies da parte nostra.

 

Archivio News Locali

Cartoceto: dal 4 all’11 novembre torna la mostra mercato dell’Oliva e dell’Olio Extravergine

L’olio, protagonista indiscusso della “Mostra Mercato dell’Oliva e dell’Olio Extravergine”, giunta alla 36esima edizione, sarà anche quest’anno il re di Cartoceto: da domenica 4 novembre a domenica 11 l’affascinante borgo si trasformerà nel centro del gusto regalato dal prodotto simbolo del territorio e i tanti appuntamenti in programma renderanno l’atmosfera carica di cultura e folklore.

“Il pubblico potrà assaggiare un olio ricco di sapore – afferma il sindaco Olga Valeri - Quest’anno l’olio extravergine prodotto a Cartoceto si caratterizza infatti per l’alta qualità, piuttosto che per la quantità. Tra le abbondante nevicate e la siccità, i nostri olivi non hanno avuto vita facile e la resa è stata dell’8-9%, più bassa rispetto agli altri anni. Le condizioni meteorologiche hanno fatto si che gli ulivi si siano bruciati e non si siano sviluppati al meglio, ma l’olio che ne è stato ricavato è, senz’altro, di un gusto eccezionale e degno dei palati più esigenti”.

Leggi tutto...

Rondina: Incarico tecnico, la politica non c'entra.

Da Massimo Rondina, geologo ed ex assessore di Cartoceto, riceviamo: "in relazione ai fatti richiamati nel vostro articolo va chiarito che il sottoscritto non ha venduto alcun terreno. Inoltre è bene ricordare che nel lontano 2008 ho rassegnato le dimissioni come assessore e sono stato uno dei firmatari e fautori della sfiducia all'allora Sindaco Verdini provocando il commissariamento del Comune.

L'incarico, di redigere una relazione geologica per un piccolo intervento nel cimitero mi è stato affidato dall'Ufficio Tecnico Comunale, come prevede la normativa, esclusivamente sulla base di criteri tecnico-professionali. Perciò i politici e gli amministratori non c'entrano proprio nulla perché non è una scelta politica.

Leggi tutto...

A Lucrezia arriva “la Via della Seta”

Sarà ufficialmente presentata martedì 30 ottobre alle ore 21 presso la sala riunioni della Scuola Media la nuova Associazione Culturale “La via della Seta”. Saranno gli stessi soci fondatori a raccontare il perché di questa idea a tutti i cittadini.

Un invito rivolto a coloro – si legge nella presentazione – che ritengono la Cultura uno “strumento” indispensabile per la crescita propria e della collettività.

Leggi tutto...

Arriva l’olio nuovo. Gli appuntamenti con Beltrami

Domani alla locanda del Gelso di Cartoceto, cena a tema sull’olio extravergine Beltrami (info 0721 - 877020), che domenica apre il frantoio della Rocca per presentare l’olio nuovo (dalle 9 alle 12.30 e dalle 15-19, per tutte le domeniche fino a dicembre). Il frantoio riceve gli appassionati anche l’1 e 2 novembre (dalle ore 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19). Domenica 4 e 11 novembre mostra mercato dell’olio a Cartoceto con visite al frantoio della Rocca e alla Gastronomia Beltrami (info 0721 893006).

Leggi tutto...

L’ex assessore Massimo Rondina diventa tecnico di fiducia del Comune

Cartoceto incaricato di effettuare una perizia geologica il politico sotto processo per concussione e abuso.

Al comune di Cartoceto non perdono tempo. Massimo Rondina, assessore all’urbanistica dell’era Verdini, oggi sotto processo per concussione (insieme all’ex sindaco e altri) per l’inchiesta sul Prg, è stato scelto dalla giunta del sindaco Valeri per effettuare delle perizie geologiche. A pagare è il Comune, che giustifica l’incarico a Rondina da 1600 euro per la sua «comprovata esperienza e capacità professionale visto che possiede una comprovata conoscenza del territorio comunale oltre ad essere tecnico di fiducia di questa amministrazione comunale».

L’aspetto più interessante di questa delibera di giunta (è la numero 113 del 15 ottobre 2012) è la sottolineatura che Massimo Rondina sia di fiducia del Comune. Vale la pena di ricordare che l’ex assessore è sotto processo per concussione e abuso d’ufficio davanti al tribunale di Pesaro ed è stato prosciolto per avvenuta prescrizione dal reato di corruzione per la vendita del terreno di famiglia al costruttore Petrucci con un cambio di destinazione «a voce» del sindaco Verdini per valorizzarlo molto di più.

Leggi tutto...

No al pedaggio sulla Fano-Grosseto: sabato protesta di Fn e raccolta firme

Forza Nuova prosegue la mobilitazione contro il nuovo piano Fano-Grosseto che, secondo diverse indiscrezioni non smentite, vedrebbe la soppressione di diverse importanti uscite esistenti tra cui Lucrezia, Calcinelli, Sant’Ippolito e Fossombrone Est, nonché l’istituzione del pedaggio.

“Continua la battaglia di Fn contro l’ultima trovata della Regione per regalare soldi agli speculatori privati di turno – esordisce Marco Consalvo, responsabile di Fn – Evidentemente a palazzo Raffaello credono di avere a che fare con degli stupidi e che basti lagnarsi della mancanza di denaro pubblico per cedere a delle società di lucro un’arteria strategica per tutta l’economia della nostra provincia.

Leggi tutto...

Fano-grosseto: FAP annuncia manifestazione popolare

In una nota, la segreteria del FAP, Fronte di Azione Popolare Pesaro-Urbino, comunica ufficialmente che "se dopo il 30 di ottobre, data entro la quale si presenterà la proposta di fattibilità per la Fano-Grosseto, non avremo avuto le giuste rassicurazioni in difesa di questa nostra importante strada (NO PEDAGGIO-NO CHIUSURA CASELLI), il FAP organizzerà una manifestazione popolare da tenersi eventualmente a Lucrezia l'8 di Novembre. L'1 Novembre quindi, decideremo se sarà necessario dare vita alla mobilitazione alla quale già da ora siete tutti invitati".

Leggi tutto...

Circolo Nuova Italia Valmetauro: superstrada no a pedaggio e chiusura svincoli

Un’altra voce si aggiunte alle tante prese di posizione contrarie sia al pedaggio che alla chiusura eventuale degli svincoli esistenti della Fano-Grosseto perché questo provocherebbe un danno incalcolabile per le economie locali già compromesse dalla crisi. Pubblichiamo il commento di Giacomo Toccaceli (foto) del Circolo Nuova Italia Valmetauro che esprime il netto dissenso verso questo tipo di progetto.

In attesa di notizie più dettagliate, il Circolo Nuova Italia Val Metauro, vuole esprimere il suo pensiero in merito alle notizie apparse qualche giorno fa sulla stampa riguardo al “project financing” relativo alla superstrada Fano-Grosseto che consiste nella cessione della stessa a delle aziende private per un periodo di circa 45 anni; ciò comporterà il pagamento del pedaggio per poterla percorrere, come se fosse una autostrada, anche se non lo è! Soprattutto per le dimensioni della carreggiata e per la mancanza di dispostivi di sicurezza come per esempio la corsia di emergenza e la mancanza dei punti per la chiamata SOS.

Leggi tutto...

Confesercenti, tuoni e fulmini contro il pedaggio sulla Fano-Grosseto

«Bene il completamento della Fano-Grosseto, no al pedaggio e alla chiusura delle uscite nel tratto Fano-Fossombrone». Netta la posizione espressa dal presidente di Confesercenti Fano, Stefano Fiorelli, e dal direttore di Confersercenti Marche e Fano Ilva Sartini. «Riconosciamo e apprezziamo — affermano — l’attivismo dell’Ente provinciale e anche l’intervento del Governatore Spacca, a favore di un’infrastruttura bloccata ormai da decenni e che è, invece, strategica per il nostro territorio».

Leggi tutto...

Inchiesta su Prg di Cartoceto, altra udienza: «Quel milione e 400mila euro su un fondo intestato a Rondina»

Un milione e 400mila euro, cui si fa cenno in una telefonata intercettata dalla Finanza e contenuti in un ‘fondo’ che faceva capo a Giovanni Rondina, l’ex vicepresidente della Provincia imputato di corruzione e altri reati nell’inchiesta sul Prg di Cartoceto, di cui ieri si è svolta una nuova udienza davanti al collegiale. Più, un investimento di 500mila euro, fatto sempre da Rondina.

Le cifre emergono quando il pm Cigliola, che firma l’inchiesta con l’allora sostituto di Pesaro, Celli, chiede al maresciallo del nucleo di polizia tribuitaria della Finanza di Pesaro, Paolo Barbetti, delucidazioni sui soldi ‘in nero’ che in quell’inchiesta sono emersi. Finora si era parlato di una presunta tangente di 10mila euro, che Casavecchia avrebbe girato a Giovanni Rondina per ottenere concessioni di escavazione. Aggiunge il maresciallo Barbetti che Rondina risultava socio anche di una società a Tirana. Dice Roberto Brunelli, avvocato di Rondina: «Cifre di cui non si è mai trovato riscontro alcuno»

La gran parte delle domande del pm Cigliola puntavano a dimostrare come la combriccola — i due fratelli Rondina, il sindaco Ivaldo Verdini e le due ditte costruttrici, Canestrari e Petrucci — abbia agito con il fine unico di sfruttare per la propria convenienza il territorio Cartoceto. E gli episodi o indizi delle connivenze e doppi ruoli citati sono molti.

Leggi tutto...

Foschi e Perlini sulla Fano-Grosseto: Galuzzi si svegli per evitare il pedaggio e la chiusura degli svincoli

I consiglieri provinciali Vladimiro Perlini ed Elisabetta Foschi annuncia la presentazione di un ordine del giorno affinché la provincia si attivi per conoscere esattamene i contenuti del progetto delle società proponenti e successivamente si impegni a fare in modo che non vengano chiusi gli attuali svincoli esistenti, che il pedaggio venga applicato per le nuove tratte e non su quelle esistenti. La Foschi fa inoltre sapere che lo stesso ordine del giorno è stato presentato anche in regione.

Non possiamo perdere tempo e non assumere alcuna iniziativa di fronte alla possibilità che la Fano Grosseto diventi a pagamento e vengano chiusi gran parte degli attuali svincoli.

Leggi tutto...

«Una vera e propria follia il pedaggio». A Lucrezia e Calcinelli scatta la rivolta

L'inchiesta: il possibile pagamento della superstrada trova tutti contrari.

Superstrada a pagamento? Altro che sconfitta... «è una vera follia» dicono i cittadini. La notizia che il progetto per il completamento della Fano-Grosseto prevede l’istituzione di un pedaggio e la chiusura degli svincoli sulla E-78 di Lucrezia e Calcinelli è arrivata come un pugno nello stomaco non solo ai sindaci di Fano, Cartoceto e Saltara (pronti a dare battaglia) ma soprattutto a chi quella strada la percorre quotidianamente per lavoro.

A Lucrezia si lamentano tutti. «Ma vi rendete conto di quello che significa per chi la superstrada la prende più volte al giorno? — domanda Cristina Aguzzi — Io ad esempio, che abito proprio all’uscita della superstrada a Lucrezia ma lavoro a Fano, dovrò pagare il pedaggio 4/5 volte al giorno. E’ giusto?».

Leggi tutto...

Fano-Grosseto, Galuzzi: “Allo stato attuale alla Provincia non è ancora stata formulata nessuna proposta progettuale”

Il mistero del progetto della Fano-Grosseto si infittisce. Dopo la conferenza stampa tenuta dal consigliere provinciale Perlini e dalla consigliera Foschi in merito alla possibile chiusura di alcune uscite esistenti arriva la dichiarazione dell’Assessore provinciale ai Lavori Pubblici Galuzzi il quale dice: “L’unica cosa certa che c’è, ad oggi, sulla Fano – Grosseto è che l’impegno del presidente Ricci in prima persona e il fronte compatto di tutti i partiti sia di maggioranza che di opposizione, hanno permesso di riesumare un opera strategica che era morta e sepolta da decenni nei cassetti romani“

Leggi tutto...

Superstrada a pagamento? E' una grande sconfitta

Era meglio un pugno nello stomaco. La notizia che il progetto elaborato dall’Ati formata da Strabag, Astaldi e Cmc Ravenna, nell’ambito del project financing per il completamento della Fano-Grosseto, prevede la demolizione e la chiusura degli svincoli sulla E-78 di Lucrezia e Calcinelli è andata di traverso al sindaco di Cartoceto Olga Valeri e a quello di Saltara Fabio Cicoli, pronti a dare battaglia per tutelare il loro territorio.

«Non capisco proprio il trionfalismo con cui è stato presentato il progetto sulla superstrada. In realtà si tratta di una sconfitta, perché le modalità prospettate sono lontanissime dalle esigenze e dalle aspettative della nostra gente». Comincia così l’analisi di Cicoli, che aggiunge: «E’ già assurdo pensare di pagare un pedaggio per un’opera che in questa zona esiste da decenni e che è stata realizzata coi soldi pubblici, anche i nostri; figuriamoci accettare la chiusura dello svincolo di Calcinelli, che sarebbe letteralmente disastrosa per la qualità della vita di coloro che risiedono lungo la Flaminia e non solo. La Regione ha sempre avuto atteggiamenti discriminatori e penalizzanti per il nostro territorio ed è ora di dire basta».

Leggi tutto...

Cartoceto, al via lavori di manutenzione di alcune strade comunali

Ricevimo una nota da parte dell’Amministrazione Comunale circa l’avvio di lavori di manutenzione su alcune strade comunali abbastanza deteriorate.

“Nnonostante il periodo non aiuti le amministrazioni a programmare interventi di manutenzione o nuove opere – dice il sindcao Valeri – nella gioranta di oggi a Cartoceto sono iniziati i lavori urgenti di manutenzione di alcune strade del territorio, che presentano un manto stradale logoro e deteriorato anche a causa della grande nevicata e che rappresentano pericolo per la pubblica sicurezza.

Leggi tutto...

Il sindaco di Cartoceto sulla superstrada: se l’uscita di Lucrezia verrà chiusa il Comune chiederà i danni

Le rivelazioni della consigliera Regionale Elisabetta Foschi in merito al progetto della superstrada Fano-Grosseto in cui per permettere il sistema di pedaggio con i casselli verrebbero chiuse diverse uscite esistenti, tra cui quella di Lucrezia, hanno creato sconcerto nel Sindaco di Cartoceto presente all’incontro di Saltara.

Il sindaco Oga Valeri ha commentato: “Ero presente all’incontro indetto da Spacca a Pesaro il 28 settembre scorso ma in quella sede si è parlato del reperimento fondi e non è stato mostrato alcun progetto nè del tracciato nè delle uscite”.

Leggi tutto...

Fano-Grosseto, nel nuovo progetto alcune uscite esistenti saranno chiuse!

In un conferenza stampa indetta dal consigliere provinciale Vladimiro Perlini e dalla consigliera regionale Elisabetta Foschi sono stati resi noti alcuni aspetti sconvolgenti del progetto relativo alla Fano Grosseto.

Elisabetta Foschi esaminando attentamente il nuovo progetto del tracciato ha notato che è prevista una barriera di pedaggio a Bellocchi di Fano, per cui da Fano a Bellocchi il transito sarebbe gratuito, mentre i successivi caselli dovrebbero sorgere a Serrungarina e Fossombrone Ovest. Tutte le altre uscite tra cui Lucrezia, Calcinelli, S. Ippolito e Fossombrone Est verrebbero abolite.
Per quanto riguarda l’alta valmetauro sono invece state ridotte le uscite inizialmente previste proprio in funzione dei caselli.

Leggi tutto...

Abusi sessuali raccontati nel segreto del confessionale

Il parroco di Lucrezia rompe il silenzio.Condanna su Facebook: "I carnefici calpestano le ferite sanguinanti delle vittime"

Abusi sessuali raccontati nel confessionale e una realtà di fru­strazione e dolore, che al di fuori del segreto del sacramento pro­duce nella comunità mormorii e disagio, sfiducia e isolamento.

Don Sergio Carettoni, parroco di Lucrezia da quasi tre anni, ha vo­luto scuotere la comunità dal suo torpore, rompendo il silenzio delle vittime, con una denuncia forte su Facebook. "Che delusione, che amarezza - scrive don Sergio nella sua pa­gina del social network -, quando la verità sul passato di Lucrezia e le cicatrici ancora sanguinanti delle vittime di molestie o abusi sessuali vengono nuovamente calpestate dal delirio inarresta­bile di onnipotenza dei loro stessi carnefici". Sono parole al tempo stesso di protesta e condanna.

Leggi tutto...

Il parroco di Lucrezia è stato chiamato dal Vescovo

Le spine della chiesa. Don Sergio Carettoni parla su facebook di "vittime di molestie e di abusi sessuali"

A Lucrezia, e non solo a Lucrezia, non si parla d’altro. Le parole di don Sergio Carettoni, che sul suo profilo Facebook parla di «vittime di molestie o abusi sessuali» e di «verità calpestate sul passato di Lucrezia e di cicatrici ancora sanguinanti» hanno creato sconcerto e stupore all’interno di una comunità dove pare che qualcuno sappia a cosa si riferisce il parroco. Dalla Curia non ci sono commenti, solo il vicario generale don Giuseppe Tintori si limita a dire: «Don Sergio ha acceso il fuoco, a lui il compito di alimentarlo o di spegnerlo».

Leggi tutto...

Parroco riapre scenari a luci rosse In passato abusi anche a Lucrezia?

Stanno suscitando un certo clamore e molti interrogativi le parole pubblicate dal parroco di Lucrezia, don Sergio Carettoni, sul suo profilo Facebook anche perché il sacerdote sembra far balenare altri abusi sessuali oltre a quello che ha visto coinvolto don Giacomo Ruggeri: «…che delusione, che amarezza, quando la verità sul passato di Lucrezia e le cicatrici ancora sanguinanti delle vittime di molestie o abusi sessuali vengono nuovamente calpestate dal delirio inarrestabile di onnipotenza dei loro stessi carnefici... che vergogna, immensamente grande, quando proprio gli stessi carnefici siedono beffardi in mezzo a noi e, attori del Male compiuto, fanno di tutto per occupare ancora una volta il centro della scena del dramma che stiamo vivendo... impotente di fronte alla forza di questi lupi, ancora travestiti da agnelli, non mi resta che esprimere piena solidarietà alle vittime dei loro esecrandi misfatti; ma da ogni angolo del cuore auguro vergogna e infamia eterna a tutti i carnefici del passato, ai loro complici e agli immancabili ecclesiastici protettori.... che schifo».

Leggi tutto...

Pagina 6 di 19

Cartoceto in Movimento

parlamento 5 stelle

Il Blog di Beppe Grillo

La Cosa Channel

5gg5stelle2stagione

Comune di Cartoceto

Unione Comuni Valle del Metauro

Provincia Pesaro Urbino

logo fesr

Pro Loco Cartoceto punto IAT

Biblioteca Afra Ciscato Cartoceto