Il sito Cartoceto in Movimento utilizza cookies come descritto in Cookie Policy.  Premendo il tasto OK accettate l'utilizo dei cookies da parte nostra.

 

In vetta a Cartoceto contro fanti e santi

28 Maggio 2014

Amministrative. Enrico Rossi vince la battaglia: avversario anche il segretario del suo partito.
Non risparmia critiche a Bettini di Forza Italia. Nel mirino c'è anche la Foschi.

Enrico Rossi, 31 anni, è stato eletto sindaco di uno dei comuni più popolosi della Provincia. E lo ha fatto contro i fanti, ma soprattutto contro i santi. Perché, lui di Forza Italia «anche se in questo momento non ho tessera», si è ritrovato contro il segretario provinciale del suo partito e cioè Alessandro Bettini che ha dato sostegno all'altra lista legata al primo cittadino uscente Olga Valeri.

«La gente non ha capito quel progetto — dice Enrico Rossi — anche perché c'era dentro di tutto da spezzoni di Forza Italia a spezzoni del Pd». Pausa per poi riprendere, guardare le scarpe e togliersi qualche altro sassolino: «E perché di quell'altra signora che ha creato danni anche a Fano mettendo Aguzzi contro Carloni, ne vogliamo parlare? Perché anche qui a Cartoceto ha fatto di tutto per mettere la Valeri contro di me... Guardavo i risultati di Forza Italia alle comunali di Fano: impressionanti, dimezzati rispetto alle europee. E cosa dobbiamo dire dei numeri che sono stati ottenuti sulla piazza di Pesaro? Io credo che Bettini debba trarne le dovute conseguenze...».

La riflessione: «Stavo guardando i voti dei piccoli satalliti che si sono creati con la scomposizione del Pdl nel mio comune, ed emerge un dato: tutti i piccoli partiti messi assieme, alle europee, non hanno fatto i numeri dei grillini. Chiaro a questo punto che occorre federarsi, creare un nuovo progetto».

La leadership: «Anche quelli del Pd qui di Cartoceto sono rimasti impressionati dai voti ottenuti alle Europee. Questo è l'effetto Renzi che ha portato dentro anche una parte dei moderati: ha ricreato una specie di vecchia Dc, d'altra parte lui arriva da quel mondo». L'impegno: «Sono felice del risultato che ho raggiunto, perché quello di Cartoceto è un Comune importante. Ma devo dire la verità fare il sindaco oggi non è come dieci anni fa. Gli impegni sono tanti e così anche i problemi da risolvere, ma arrivare alla guida di uno dei comuni più importanti della Provincia è una bella soddisfazione ed anche una bella responsabilità».

La festa: Enrico Rossi fa parte storicamente, o comunque è sempre stato vicino, al gruppo fanese legato a Mirco Carloni. E l'altra sera i componenti dell'ex Pdl fanese sono andati a Cartoceto per festeggiare la salita alla poltrona di primo cittadino di Enrico Rossi.

Da quella privata a quella allargata, perché Enrico Rossi ha intenzione di festeggiare questa elezioni allargando la platea. Il tutto in attesa di salire in Comune e prendere visione dei problemi che sono sul tavolo: e sono tanti. E' arrivato primo a dispetto dei fanti e dei santi ed ora fa sentire la sua voce anche alla luce dei disastri elettorali partoriti localmente all'interno di Forza Italia. Il suo partito, anche se in questo momento ha la tessera infilata nel frigorifero in attesa di capire come evolverà la situazione politica.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Informazioni aggiuntive

Lascia un commento

Cartoceto in Movimento

parlamento 5 stelle

Il Blog di Beppe Grillo

La Cosa Channel

5gg5stelle2stagione

Comune di Cartoceto

Unione Comuni Valle del Metauro

Provincia Pesaro Urbino

logo fesr

Pro Loco Cartoceto punto IAT

Biblioteca Afra Ciscato Cartoceto